Intestazione e note

Per una filiera dell'abitare sociale in Valdera

fase 1 di 2: Analisi territoriale

Notizie

Housing Sociale: l’Unione Valdera in prima linea grazie al progetto finanziato dall’Autorità per la promozione della partecipazione della Regione Toscana

Progetti all’avanguardia che rispondono a politiche abitative integrate e innovative. Obbiettivi ambiziosi che è possibile raggiungere solo attraverso la condivisione e la partecipazione degli stakeholders dell’Unione e dei sette comuni che ne fanno parte, ovvero Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme Lari, Palaia e Pontedera.

“Per una filiera dell’abitare sociale in Valdera” questo è il titolo del progetto sostenuto dall’Autorità per la Garanzia e la Promozione della partecipazione di Regione Toscana e che si articolerà in questa prima fase attraverso la realizzazione di una serie di interviste rivolte ad attori-chiave della Valdera. Si tratta di una prima fase di un più ampio processo di riorganizzazione delle politiche abitative con l'obiettivo di passare da un servizio di ascolto e orientamento all'utenza ad una messa a sistema (governance) di tutti gli attori che ruotano intorno all'universo “abitare sociale” ciascuno con le proprie caratteristiche, con l'obiettivo di fornire maggiori risposte ai cittadini.


L’analisi del territorio è infatti indispensabile per creare le condizioni ideali a sviluppare un modello di governance adeguato. Modello che dovrà appunto basarsi sulle problematiche e sulle risorse che risultano dal quadro diagnostico inerente al tema dell’abitare sociale in Valdera che si delineerà dopo l’indagine affidata all’Università di Firenze, ente incaricato dall’Unione di portare avanti il progetto.
La prossima settimana cominceranno quindi le interviste che saranno condotte da una ricercatrice del Dipartimento di Architettura dell’ateneo fiorentino e si svolgeranno da remoto.


Un primo importante step per una visione innovativa e condivisa che inciderà sulla vita di molti cittadini e sull’housing sociale dei comuni che fanno parte dell’Unione Valdera come conferma anche la Presidente dell’Unione Valdera, Arianna Cecchini: “Il tema dell'abitare riveste molta importanza per i nostri Comuni e in Valdera da tempo abbiamo avviato un'importante lavoro sui territori; con questo nuovo intervento vogliamo ascoltare il territorio per indirizzare in maniera più efficace le nostre politiche. Ci fa molto piacere che l’Autorità per la partecipazione della Regione Toscana abbia dato valore e finanziato il progetto che abbiamo presentato e che intende creare una filiera dell’abitare sociale in Valdera. A breve partirà la fase di ascolto che riveste un’importanza fondamentale per il buon esito del processo”.


Successivamente verrà avviato un percorso di co-progettazione per elaborare un servizio che risponda in maniera più completa ai bisogni della cittadinanza.


Il finanziamento per questa prima fase è stato di 14.300 € per l'analisi del bisogno abitativo con interviste ed elaborazione di uno studio che, come detto, sarà utilizzato per l'avvio della co-progettazione.