Treni: il report sull'andamento dei treni regionali

Per monitorare l’andamento dei treni regionali, è disponibile qui di seguito una scheda per ciascuno dei 100 treni divisi per linea:

1. Firenze – Arezzo – Chiusi (Roma)
2. Firenze – Pisa - Livorno
3. Firenze – Empoli - Siena
4. Pisa – Livorno – Grosseto (Roma)
5. Firenze – Pistoia – Lucca – Viareggio
6. (Firenze) Prato – Bologna
7. Firenze – Borgo S.L – Faenza (via Vaglia)
8. Firenze – Borgo S.L. (via Pontassieve)
9. Pisa – Lucca - Aulla
10. (Genova) La Spezia - Pisa
11. Siena – Chiusi
12. Pisa - La Spezia - Parma (MI) (BG)

Si tratta dei treni che nell'ambito del Contratto di Servizio fra Regione e Trenitalia sono indicati come i più significativi per affollamento.
A questi sono stati aggiunti altri 6 treni ritenuti particolarmente significativi.

Leggi questi report e facci conoscere le tue valutazioni: se hai contributi, osservazioni oppure se vorresti inserire altri treni nell’elenco, faccelo sapere.

Ti ringraziamo fin da ora per la collaborazione che vorrai dare: fallo subito, basta un indirizzo mail!

Condividi

Approfondimenti

Cosa contengono le schede

1. Nelle schede viene riportata la puntualità reale, quindi quella “percepita” dall’utente presso le principali stazioni, senza alcuna integrazione né modifica o riduzione legata alla causa del ritardo. Comprende pertanto tutti i ritardi, sia quelli causati da Trenitalia, dalle altre Imprese ferroviarie e da Rete Ferroviaria Italiana, così come i ritardi legati a cause meteo ed altre esterne al sistema ferroviario.
2. Per ogni scheda treno viene indicato il ritardo lungo l’intero percorso: oltre alle stazioni di partenza e di arrivo, sono state identificate alcune stazioni intermedie, in particolare quelle di snodo con altre linee e quelle su cui si attestano altre relazioni lungo la linea (questo consente di valutare anche la regolarità o meno delle corrispondenze, cioè della possibilità di fare interscambio e passare da una linea o da una relazione all’altra).
3. La fonte dei dati è il sistema PICWEB fornito da RFI (Rete Ferroviaria Italiana, gestore dell'infrastruttura ferroviaria); Regione Toscana non effettua alcuna modifica sui dati così ottenuti.
4. Per ogni scheda treno, nelle stazioni di riferimento vengono indicate le percentuali di tre livelli crescenti di ritardo dei treni (5’, 7’, 15’). Per ritardo si intende il ritardo del treno in arrivo nella stazione corrispondente. Le percentuali nei tre diversi livelli sono cumulate, cioè i calcoli per gli indici della fascia superiore considerano anche i treni con ritardo del livello inferiore.
5. Nella scheda treno vengono inoltre riportati due grafici, relativi al ritardo medio registrato nelle stazioni di riferimento e ai giorni in cui il treno arriva in ritardo nelle stazioni di riferimento.
6. Vengono infine riportate brevemente le principali macrocause di ritardo sulla linea o sul singolo treno nel mese.

Vedi tutto
FC
ceccaref 2 Anni Fa
Perché tra i treni monitorati non vi è il 3165 da SMN a Foligno, il quale è perennemente in ritardo?

Grazie
00
GB
gianluca.baccani 2 Anni fa in risposta a ceccaref .
Buongiorno, il treno 3165 non fa parte del Contratto di servizio tra Trenitalia e la Regione Toscana e perciò non lo trova tra quelli monitorati.
00
FB
fboldrini 1 Anno Fa
Sulla tratta Firenze – Pistoia – Lucca – Viareggio i treni la mattina sono affollatissimi con numerosi studenti in piedi, inoltre ci sono pochissimi controlli da parte del capotreno ai biglietti, io sono in pendolare e il mio abbonamento viene controllato una media di una volta in un mese.
Molti extracomunitari, zingari e sbandati ne approfittano e circolano liberamente su e giù riuscendo ad eludere il controllare, quando si fa vedere.
Grazie
00