Sicurezza sui treni: tra atti vandalici ed episodi di quotidiana maleducazione, che cosa infastidisce di più chi viaggia? E come fare ad evitarlo?

La sicurezza a bordo dei treni: su questo argomento vorremmo iniziare un confronto con le persone che ci viaggiano ogni giorno.

La Regione Toscana ha già aperto un tavolo di confronto sul tema della sicurezza, che impegna le figure istituzionali coinvolte dal trasporto pubblico e le Prefetture (vedi il comunicato stampa del 26 gennaio).

Sono frequenti le notizie di treni che subiscono atti vandalici: non più tardi di qualche giorno fa si sono verificati ben tre episodi in Toscana (vedi comunicato dell’Ansa Toscana); talvolta le cosiddette ‘bravate’ finiscono direttamente su You Tube, come quanto accaduto qualche giorno fa tra Milano e Laveno  (vedi articolo di Repubblica-Milano).

Trenitalia afferma (vedi comunicato Trenitalia) che ‘Durante il 2014 sono stati circa 750 mila euro i danni causati da atti vandalici ai treni regionali toscani di Trenitalia…se da domani svanissero graffiti e atti vandalici si potrebbero “guadagnare” migliaia di ore di lavoro a favore del miglioramento della qualità e di interventi più capillari per un servizio migliore alla clientela’.

Ma oltre a questi episodi più gravi, ci sono anche i piccoli fatti di ogni giorno: quelle mancanze di rispetto, educazione, civismo che chi viaggia può riscontrare nella sua esperienza: dal parlare troppo forte, all’occupare i posti con le proprie cose, al lasciare rifiuti in giro.

Il confronto non sarebbe completo senza raccogliere anche le opinioni e le segnalazioni dei pendolari e dei cittadini più in generale.

Per questo ti chiediamo di partecipare a questo Tavolo facendoci conoscere la tua opinione.

Non ci sono opinioni giuste e opinioni sbagliate, ma diversi punti di vista che ci possono aiutare a comporre un quadro di conoscenze più completo, che tenga conto di quello che pensano gli utenti dei treni come te.

Hai una proposta per migliorare la sicurezza dei treni ed evitare gli episodi di vandalismo?

E rispetto alla quotidianità, quali comportamenti ti disturbano particolarmente sul treno?

E che cosa si potrebbe fare secondo te per impedire che accadano e migliorare le condizioni di viaggio per tutti?

Dicci la tua opinione e grazie della partecipazione!

cristina 6 Anni Fa
Sono una pendolare della tratta Livorno-Firenze e non credo che il vandalismo sia il problema principale dei treni toscani. A me la cosa che più disturba e crea disagio sono, nell'ordine, i ritardi e la sporcizia dei treni. Forse era più utile lanciare una 'consultazione' aperta, ad esempio chiedendo ai cittadini pendolari di indicare, in una rosa di opzioni, i disagi che incontrano viaggiando in Toscana e quindi intervenire sui disagi più segnalati.
00
IP
vitadapendolare 6 Anni Fa
Interessante iniziativa. Sono pendolare sulla tratta Livorno-Firenze da più di 4 anni, viaggio con i regionali 3100 al mattino e 3177 o 11727 al pomeriggio. Lo specifico perché per l'oggetto della nostra discussione questa informazione non è banale.

Questi treni sono generalmente dei Vivalto, tendenzialmente in orario e in buone condizioni (nel 3177 c'è addirittura un servizio di pulizia a bordo). Raramente si verificano atti di vandalismo a bordo di questi treni.

Quello che quindi più infastidisce il mio pendolarismo è la maleducazione dei viaggiatori, siano essi pendolari o viaggiatori occasionali.

La diffusione dei dispositivi mobile ha sicuramente migliorato la vita di noi pendolari, ma ha anche permesso il diffondersi di comportamenti a mio avviso per nulla rispettosi degli altri: musica/video ascoltati senza auricolari, infinite telefonate a bordo del treno (a volte anche con l'uso del vivavoce), suonerie attive (delle tastiere, dei giochi o delle varie app).

Quando non ci sono di mezzo i dispositivi mobile, bastano le persone con la loro voce alta. Non importa se sono le 6 del mattino e un intero vagone viaggia in silenzio perchè i pendolari ne approfittano per recuperare un po' di sonno. Ci sarà sempre qualcuno che sale alle fermate più vicine (ma neanche tanto) alla destinazione che si comporterà in treno come al bar. Intendiamoci, il treno non è un dormitorio! Ma un volume della voce basso è sempre apprezzato. Non è detto che tutti vogliamo ascoltare quello che uno ha da dire!

I problemi che riscontro quindi sono principalmente legati alla "maleducazione". Molti viaggiatori semplicemente non sanno viaggiare.

Come risolvere questo problema? Nei treni dell'alta velocità mi è capitato di ascoltare annunci che invitavano i passeggieri ad abbassare il volume della suoneria e il tono della voce per non disturbare gli altri viaggiatori. Perché Trenitalia non può fare lo stesso annuncio anche nei treni regionali?

Ah ecco perché.. perché spesso non fa nemmeno gli annunci che dovrebbe fare, relativamente a ritardi o prossime fermate. Stavo per dimenticarlo, ma questo è sicuramente un altro elemento di stress. In caso di ritardo o di stop improvviso del treno, spesso i capotreno non fanno alcun annuncio, lasciando i pendolari in attesa senza ricevere alcuna informazione. Una maggiore comunicazione aiuterebbe anche in questo caso.
00
GB
gianluca.baccani 6 Anni Fa
Buongiorno Cristina e grazie del suo contributo.
Prendiamo atto che per lei il problema del vandalismo non è prioritario. Questo tavolo di discussione è stato pensato proprio per capire quanta percezione ci sia da parte degli utenti circa i reali effetti degli atti di vandalismo sulla quotidianità dei viaggiatori.
Le segnaliamo, però, che a questo link http://open.toscana.it/web/muoversi-in-toscana-pendolari-treno/-/segnala-e-suggerisci trova il tavolo 'Segnala e suggerisci' in cui può darci informazioni e suggerimenti per aiutarci ad identificare le principali cause di insoddisfazione dell'utenza e i correttivi da apportare.
00
GB
gianluca.baccani 6 Anni Fa
Grazie vitadapendolare, sul tema dell'informazione la Regione sta cercando di fare la sua parte attivando nuovi servizi (come le informazioni del sito Muoversi in Toscana) e stimolando Trenitalia e RFI, ovvero i soggetti che gestiscono rete e servizio ferroviario, ad essere più puntuali nell'informare. In questo senso va il protocollo d'intesa volontario sottoscritto nello scorso anno.
La ringraziamo del suo contributo che ci conferma le ancora gravi carenze nell'informazione a bordo treno, una delle mancanze più lamentate dall'utenza. Ci sono anche problemi nell'informazione a terra e anche su questo abbiamo chiesto interventi in tempi brevi.
Nel fornire i servizi di informazione, anche noi confidiamo nella diffusione dei dispositivi mobile per essere efficaci ma contiamo di essere utili e di non far crescere la confusione o il rumore di fondo emoticon
Il suggerimento sugli annunci per ricordare ai passeggeri di assumere alcuni comportamenti sull'uso dei telefoni e sul tono della voce ci sembra utile e ne terremo conto nel confronto con il gestore del servizio per migliorarlo.
01
IP
vitadapendolare 6 Anni fa in risposta a gianluca.baccani .
Grazie per la sua risposta Gianluca. Attraverso gli account social del mio blog vitadapendolare.it sono spesso entrata in contatto con gli account di Muoversi in Toscana ricevendo utili informazioni su scioperi e disagi. La stessa app "Muoversi in Toscana" trovo sia molto utile soprattutto per gli aggiornamenti in tema di sciopero.

Quello che spesso sento dire ai capotreno è che non fanno annunci in caso di problemi perché sono impegnati a risolvere il problema che ci blocca. Capisco la loro logica e sicuramente apprezzo il loro intento, ma quando l'attesa si protrae per diversi minuti (dai 10-15 in su) è necessario trovare un minuto anche per fare un annuncio.
In questo modo si contribuirà a placare gli animi a bordo e, come dicevo nel precedente commento, si offrirà la possibilità ai viaggiatori di organizzare le proprie attività a destinazione o le coincidenze con altri treni in funzione del ritardo annunciato.

Per quanto riguarda l'annuncio sull'uso dei telefonini e del tono di voce, mi fa piacere che ne terrete conto. Spero di sentirlo presto a bordo! emoticon
00
MP
mrtpcc 6 Anni Fa
Sono pendolare, linea FI-Pi_LaSpezia, tratto lungo e colorito. Il tema di questo forum è il vandalismo, va bene. Gli eventi sgradevoli che hanno il colore della maleducazione sono sicuramente dovuti al poco controllo e presenza di chi ha il compito di creare benessere tra i cittadini. Vandalo è colui che non è educato e non rispetta il vicino di posto e soprattutto è colui che si alza e va in altri vagoni per non essere trovato senza biglietto. Un clima partecipativo tra i frequentatori del treno e il personale addetto dovrebbe essere alimentato per togliere quelle macchie di intenzionalità verso il cattivo uso del bene comune.
00
GB
gianluca.baccani 6 Anni fa in risposta a mrtpcc .
Buongiorno Marta e grazie del contributo. Il suo intervento mette in relazione il tema del vandalismo con i comportamenti dei viaggiatori abusivi e in generale con la maleducazione di alcuni viaggiatori.
Quando parla di clima partecipativo, intende una collaborazione tra addetti e viaggiatori, ad esempio prevedendo un sistema di segnalazioni da parte dei viaggiatori?
00
IP
vitadapendolare 6 Anni fa in risposta a gianluca.baccani .
Scusate se mi intrometto, ma di fronte alla proposta di un clima partecipativo non posso che esprimere il mio favore. Una app che permetta ai viaggiatori di segnalare vandalismo, viaggiatori abusivi ed eventuali altre info sul viaggio sarebbe sicuramente utile. Dall'app Muoversi in Toscana sarebbe possibile farlo nell'area "Segnalazioni"?
00
GB
gianluca.baccani 6 Anni fa in risposta a vitadapendolare .
Sì, vitada pendolare: lo spazio 'Segnalazioni' della app Muoversi in Toscana può essere usato a questo scopo.
Oppure, si può postare un commento al tavolo 'Segnala e suggerisci ' in questa stessa stanza della partecipazione all'indirizzo http://open.toscana.it/web/muoversi-in-toscana-pendolari-treno/-/segnala-e-suggerisci.
Da entrambi i canali le informazioni arrivano direttamente agli uffici regionali.
PS: le 'intromissioni' sono gradite.
00
matt 5 Anni Fa
Segnalo i Regionali 11843, 11848, normalmente effettuati con materiale della Regione Piemonte, spesso in condizioni igieniche inadeguate e nel mirino dei vandali (graffiti fuori e dentro i veicoli).
Materiale "d'epoca" per quanto riguarda i Regionali 2041 e 11844.
00