Intestazioni e note

Contratto di Lago Porta

fase 2 di 4: Attività Assemblea di Bacino

Notizie

Presentazione studi finanziati dal progetto "Verso il contratto di Lago Porta" realizzati dall'Università di Firenze sul monitoraggio del canneto e le malodoranze

Nell’ambito del progetto “Verso il Contratto di Lago Porta”, finanziato dalla Regione Toscana sul bando per la promozione e diffusione dei contratti di fiume 2019-2021, di cui il Comune di Montignoso è capofila, è stato effettuato uno studio da parte del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze. Venerdì 26 marzo, alle ore 10.00 su piattaforma “Zoom” si svolgerà la diretta online per illustrare i risultati raggiunti.

Nel progetto presentato alla Regione Toscana era stata infatti indicata la necessità di approfondire gli aspetti legati da una parte alla scomparsa (die-back) del canneto - fenomeno purtroppo noto in diverse aree umide dell’Italia centrale e in Europa e da alcuni anni evidente anche al Lago di Porta - dall'altra alla problematica degli odori molesti avvertiti dalla cittadinanza.

Le indagini geochimiche sul Lago di Porta effettuate dal Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università degli Studi di Firenze, hanno portato a caratterizzare lo stato geochimico dell’ecosistema lacustre e il fenomeno delle maleodoranze. I campionamenti, condotti nel corso dell’estate 2020, hanno riguardato acque, gas disciolti e sedimenti in siti selezionati all’interno del Lago e gas gorgogliante emesso in prossimità delle sponde. A questi sono state affiancate riprese termiche e sul visibile con drone per verificare la presenza di eventuali ulteriori sorgenti all’interno del lago. Inoltre, per la caratterizzazione del fenomeno delle maleodoranze, sono state condotte campagne di misura dei livelli di H2S in aria tramite campionatori passivi Radiello® collocati in 10 siti e analizzatore Thermo® 450-i per acquisizioni continue e ad alta frequenza della durata di una settimana in 3 siti, abbinato a misure di concentrazione di CO2 e CH4 in aria e dei rispettivi isotopi del carbonio.